Attendere prego...

Punti di immersione

La grotta deve il suo nome, e la sua origine, alla sorgente di acqua dolce che si trova al suo interno.
E' un ampia cavità  con l'ingresso a circa 14mt proprio lungo la linea di costa, la cavità  dopo un ingresso non troppo ampio si allarga sensibilmente in una vasta camera sommersa, massi di crollo sul fondo forniscono riparo a gamberi meccanici e paguri mentre sulla volta spesso si ha la fortuna di incontrare grosse magnose e ricci saetta, proseguendo nella penetrazione si passa vicino ad una tana di corvine che ovviamente restano visibili solo pochi istanti prima di nascondersi tra le rocce, poco dopo continuando la risalita si attraversa l'Aloclino generato dall'incontro dell'acqua dolce della sorgente e quella salata del mare. Subito dopo l'aloclino che genera una visione sfuocata l'acqua diventa cristallina e decisamente fredda, ci troviamo in acqua dolce e la cosa è anche evidenziata dalla mancanza assoluta di qualsiasi genere di vita sulle rocce. Poco dopo è possibile emergere in un ampia sala con aria respirabile ricca di stalattiti e stalagmiti.
L'ultimo regalo questa splendida grotta lo farà  alla fine dell'esplorazione con i riflessi azzurro intenso che ci indicheranno la via dell'uscita.